informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Storia della psicologia dalle origini a oggi

Commenti disabilitati su Storia della psicologia dalle origini a oggi Studiare a Roma

La storia della psicologia attraversa diverse fasi, ognuna delle quali rappresenta un passaggio cruciale per lo sviluppo della disciplina.

Curioso di conoscere qualcosa in più? In questa guida affronteremo, passo dopo passo, il tema della nascita della psicologia fino ad arrivare alla sua evoluzione nel corso del tempo.

La psicologia è una scienza molto affascinante, dalle mille sfumature. Sin da tempi antichissimi c’è stato l’interesse di indagare fenomeni e comportamenti umani: pensatori come Socrate e Platone si sono posti molti interrogativi sul funzionamento della mente.

Negli anni la disciplina si è sviluppata attraverso il lavoro dei suoi esponenti principali, dando vita ad una scienza che ha attraversato diversi momenti. Ripercorriamo ora la storia della disciplina dalle origini ai nostri giorni.

Dalla nascita della psicologia alla sua moderna evoluzione

La psicologia è una scienza? Quante branche della psicologia esistono? Rispondiamo a tutte queste domande nella nostra guida.

LEGGI ANCHE – Come diventare psicologo clinico con Unicusano

Prima di iniziare: che cos’è la psicologia?

Prima di addentrarci nella nostra guida e analizzare la grande biblioteca della psicologia, cerchiamo di dare una definizione sintetica di questa disciplina.

Per psicologia intendiamo quella disciplina che studia il comportamento e la mente, attraverso lo studio dei processi psichici, mentali e cognitivi nelle loro componenti consce e inconsce, attraverso l’impiego del metodo scientifico e/o appoggiandosi ad una prospettiva soggettiva intrapersonale.

Sono oggetto di studio della psicologia i processi cognitivi e intrapsichici dell’individuo, il comportamento umano individuale e di gruppo, e i rapporti tra il soggetto e l’ambiente.

Esistono diverse branche della psicologia, dalla psicologia dei gruppi a quella del lavoro, che analizzano fenomeni propri di quei contesti.

Vediamo ora un riassunto della storia della psicologia, per capire come siamo arrivati a parlare della psicologia così come la conosciamo oggi.

LEGGI ANCHE – Gestione dei conflitti in un’organizzazione: quello che devi sapere

Le origini

Lo studio della mente e dei comportamenti umani è stato d’interesse per i grandi pensatori fin da tempi remotissimi.

Quando nasce la filosofia, questa inizia a porsi attraverso i suoi esponenti molti interrogativi sulla mente umana e sul suo funzionamento. Ti basti pensare a Socrate e Platone, che si sono chiesti a lungo quali fossero i dispositivi regolatori delle scelte e delle esperienze dell’uomo.

In generale, possiamo dire che, fin dagli albori, le conoscenze psicologiche sono state fondamentali per la società, la politica e la cultura.

La nascita del termine psicologia può essere fatta risalire al XVI secolo, con il tedesco Filippo Melantone, latinista e grecista.

Ma come nasce la psicologia scientifica moderna e quando abbiamo iniziato a concepire la psicologia come scienza?

Psicologia scientifica: nascita e sviluppo

La storia della psicologia come scienza viene generalmente ricondotta alla seconda metà dell’Ottocento, quando l’indagine psicologica si apre alle metodologie delle scienze naturali.

Tra il 1850 e il 1870, infatti,  fisici e medici si occupano dello studio della psiche. Gli scienziati applicarono allo studio della mente le tecniche che già applicavano alle scienze naturali, senza capire che stavano creando una nuova scienza: la moderna psicologia scientifica.

branche della psicologia

In quegli anni furono diverse le pubblicazioni importanti che segnano lo sviluppo della disciplina, tra cui contributi di Charles Darwin, che nel suo L’espressione delle emozioni nell’uomo e negli animali descrisse per la prima volta le somiglianze che dimostrano come uomini e animali comunichino sensazioni e manifestino emozioni mediante il comportamento e il movimento di parti del corpo.

Il padre della psicologia come disciplina accademica è il tedesco Wilhelm Wundt. Inizialmente, infatti, il centro della psicologia scientifica fu proprio la Germania: grazie a Wundt, nacque a Lipsia il primo laboratorio psicologico moderno.

In quegli anni nacquero molte scuole e laboratori. Tra queste, la scuola di Würzburg che introdusse il metodo di introspezione, consistente nell’osservazione delle nostre esperienze personali e interiori.

Il Novecento e la psicologia

All’inizio del Novecento nascono tantissime diramazioni all’interno della psicologia e la disciplina inizia ad affermarsi sempre più fuori dai confini tedeschi.

Verso l’inizio del secolo, gli Stati Uniti iniziano ad introdurre la psicologia nelle università come importante materia di studio.

Negli anni Trenta era divisa in correnti o scuole antagonistiche: tra queste, ricordiamo soprattutto il funzionalismo, il comportamentismo e la Gestalt.

Vediamo velocemente in che consistono queste tre correnti di pensiero, tra le più rilevanti se si parla di principali correnti psicologiche dall’800 ad oggi: 

  • Il funzionalismo è una corrente di pensiero che vede i fenomeni psichici non come elementi disgiunti fra loro, ma come funzioni attraverso cui l’organismo si adatta all’ambiente sociale e fisico;
  • Il comportamentismo si proponeva di indagare il comportamento umano in prospettiva di “comportamenti osservabili”, secondo un paradigma “stimolo-risposta”. La sua nascita coincide con la pubblicazione del “Manifesto” di Watson nel 1913;
  • Il gestaltismo è una corrente di pensiero nata in Germania che pone il suo studio sui temi della percezione e dell’esperienza.

Negli anni successivi queste scuole hanno sempre più attenuato la loro contrapposizione o addirittura si sono sciolte, come già era accaduto ai primi del Novecento nel caso dell’introspezionismo, la prima scuola della storia della psicologia.

Anche in Russia iniziano a svilupparsi diverse scuole: la più importante corrente russa è la riflessologia, nata dagli studi di Pavlov, che afferma che i processi psichici sono riducibili a riflessi, cioè a processi puramente fisiologici ed elementari.

La psicologia in Italia

La storia della psicologia vede tra i suoi attori anche l’Italia, che assiste all’affermazione della disciplina attraverso tre eventi fondamentali:

  • La nascita del periodico scientifico Rivista di Psicologia di Giulio Cesare Ferrari nel 1905;
  • Il V Congresso Internazionale di Psicologia a Roma;
  • Il bando per l’assegnazione delle prime tre cattedre di discipline psicologiche nelle Università.

Tuttavia, la vera nascita della psicologia nel nostro Paese è da ricondurre alla S.I.P., Società Italiana di Psicologia, che nasce a Ginevra nel 1909 , durante il VI Congresso Internazionale di Psicologia, per costituire una rappresentanza scientifica per l’Italia.

Studiare la psicologia: laurea Unicusano

Ora che abbiamo visto una sintesi della storia della psicologia attraverso le sue tappe fondamentali, è il momento di passare ad una parte importante della nostra guida: lo studio della disciplina.

Se la psicologia è la tua passione più grande, i corsi dell’area psicologica dell’Università Niccolò Cusano sono la scelta migliore per il tuo futuro.

I corsi di laurea dell’area psicologica sono:

I nostri corsi puntano a fornire allo studente le conoscenze necessarie per lavorare nel mondo della psicologia e indagare i fenomeni cognitivi e comportamentali che caratterizzano la mente umana.

Nello specifico, il primo passo da fare è l’iscrizione al corso di laurea triennale in scienze e tecniche psicologiche, un ottimo punto di partenza per acquisire le basi della disciplina, dalla storia della psicologia fino allo studio di tecniche e metodologie pratico-operative.

Dopo la laurea triennale, lo studente potrà proseguire gli studi con una laurea magistrale; sono disponibili due indirizzi, a seconda delle aspirazioni e degli obiettivi professionali che si vogliono raggiungere.

Per iscriverti ai nostri corsi e diventare un professionista in questo campo, scrivici o chiama il numero verde 800.98.73.73

 

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali