informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come correggere la tesi di laurea?

Commenti disabilitati su Come correggere la tesi di laurea? Studiare a Roma

Lavorare sulla tesi è frutto di un’attenzione certosina nei dettagli e nella compilazione in senso globale, cercando di rispettare tutte le regole necessarie da cui non si può prescindere. La correzione fa parte di questa procedura: spesso è una fase noiosa e laboriosa soprattutto quando – per una svista – è necessario dover tornare su alcuni punti.

In aggiunta, rientra nelle probabilità l’intervento del relatore che – una volta passata in rassegna la tua tesi – potrebbe ritenere opportuno modificare alcuni contenuti per migliorarla.

La revisione della tesi e il controllo ortografico relativo, è un aspetto fondamentale per assicurarsi di confezionare un lavoro finale impeccabile e degno di nota. Per riuscirci, entrano in soccorso gli strumenti di Word e Open Office che danno la possibilità di controllare che tutto lo scritto sia corretto, ma talvolta non bastano solo quelli.

Come si fa allora a correggere la tesi di laurea in maniera ottimale? Sei nel posto giusto per capirlo.

I consigli per correggere velocemente la tesi

Partiamo dal presupposto indispensabile che, se vuoi essere certo di poter ottenere un buon risultato, avrai bisogno di un quantitativo di tempo e di concentrazione piuttosto notevole. Non puoi infatti pretendere di non inciampare in eventuali errori, se ti riduci all’ultimo minuto, a ridosso della seduta di laurea. Per questo, dovrai procedere in maniera graduale e organizzata. Ecco alcuni suggerimenti salvavita.

Quali sono gli errori più comuni

Prima di acquisire il metodo corretto per evitare di incorrere negli errori, proviamo a capire quali sono quelli più comuni in cui ci si può imbattere in corso d’opera:

  • Lapsus e altri errori di distrazione: vittime spesso di stanchezza e scarsa attenzione, non è inusuale che si scriva una parola al posto di un’altra. I lapsus e gli errori di distrazione in senso lato sono quelli tra i più frequenti in assoluto;
  • Informazioni concettuali sbagliate: questa tipologia d’errore può sopraggiungere quando non si presta la giusta attenzione alle fonti e si riportando, di conseguenza, dei concetti sbagliati che non sono stati verificati;
  • Traduzioni approssimative: è l’errore che si origina quando si riportano erroneamente delle parole straniere, il cosiddetto fenomeno chiamato mispelling. Per ovviare a questo rischio, si suggerisce di attivare il correttore automatico inserendo la lingua in questione al vocabolario;
  • Errori tipici di formattazione: questo insieme include gli accenti, la punteggiatura o le ripetizioni più frequenti. Anche i doppi spazi sono considerati errori.
  • Inesattezze grammaticali: rientrano in questa nutrita schiera sia gli errori ortografici che quelli sintattici, spesso ravvisabili in singolari e plurali sbagliati o nella mancata concordanza tra aggettivi e sostantivi.

Le strategie per correggere la tesi ed evitare gli errori

Il suggerimento universale che dovrebbe essere seguito, al netto di strategie da mettere in pratica, è uno e assoluto: procedi con calma, non correre. In questo modo, la probabilità di sbagliare si riduce in maniera drastica e potrai dormire sonni tranquilli.

Sul fronte strategico, invece, esistono delle tecniche da usare per correggere la tesi. Tra queste si evincono:

  • Stampa ogni singolo capitolo senza farlo tutto ad una volta: si tratta di un segreto validissimo che è dispensato da qualsiasi editor preciso e impeccabile. Se si procede per gradi, sarà più agevole tenere d’occhio pochi errori alla volta;
  • Dai la giusta fiducia ai correttori automatici: purché utili e talvolta indispensabili, i correttori automatici non possono mai raggiungere il livello di elaborazione di una mente umana. Tienilo sempre presente;
  • Leggi il testo dal principio: anche nel caso in cui volessi concentrare la tua attenzione su un singolo paragrafo, rileggere tutto il testo dall’inizio può aiutarti a valutarne il significato complessivo e ad individuare eventuali errori di battitura che possono essere diffusi in parti diverse della tesi;
  • Usa temporaneamente un font diverso: con questa strategia, potrai correggere gli errori usando un font diverso da quello prestabilito, così da tenere sotto controllo le modifiche effettuate e rivederle nel loro insieme.  Può andar bene anche utilizzare un colore diverso: l’importante è che si noti la differenza, così da poter distinguere il testo rivisto da quello ancora “in progress”.
  • Fai leggere la tesi ad un’altra persona: un ottimo modo per individuare gli errori è “estraniarsi” il più possibile del proprio lavoro. Per farlo, puoi coinvolgere una o più persone nella lettura della tua tesi. Una persona esterna al tuo lavoro sarà più propensa ad individuare errori o a segnalarti delle inesattezze all’interno del tuo scritto.

Ora non ti resta che metterti alla prova e iniziare a correggere la tua tesi di laurea.

***

Credits Immagine: DepositPhotos / Elnur_

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali