informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come diventare psicologo clinico con Unicusano

Commenti disabilitati su Come diventare psicologo clinico con Unicusano Studiare a Roma

L’Italia è un bellissimo paese ma ha le sue stranezze, specialmente in campo culturale. La figura dello psicologo, rispettata e stimata in tutto il resto d’Europa, da noi ha sempre suscitato sensazioni contrastanti e in alcuni individui ha ispirato sempre poca fiducia. E’ ovvio che una delle ragioni di tutto questo è che non si tratta di una materia oggettiva come la matematica e anche che, quando si entra in un posto così personale come la testa, ci si muove sempre coi piedi di piombo. Prova a rischiarare un po’ l’orizzonte Unicusano, che va oltre puntando a specializzare così tanto gli studenti che perseguono questo corso di laurea da fugare ogni dubbio sull’utilità sociale di questa professione. Come? Con un’offerta didattica che spiega come diventare psicologo clinico. Di che si tratta? Cosa si studia per esattezza in questo percorso? Come si coniuga con l’esplosione del web? A questi e ad altri quesiti cercheremo di rispondere in questa mini-guida. Quello che qua non avremo chiarito vi invitiamo a risolverlo da soli ma grazie agli strumenti cognitivi che, sul tema, stiamo per darvi. Buona lettura.

Partiamo dalle conclusioni perché è il miglior modo di dare peso a tutto l’articolo. Come diventare uno psicologo clinico non può essere evaso come argomento in poche righe, per quanto redatte in modo schematico e il più possibilmente utili per voi. Vi diciamo subito, perciò, che molte altre nozioni le dovrete continuare a leggere in rete. Noi vi offriamo anche in tal senso molto grazie alla frequenza (assidua) dei nostri articoli che compaiono ogni giorno sul blog universitario di Roma. Non solo. Non ci tiriamo indietro neanche nei confronti dei vostri dubbi che potrete esporci attraverso l’apposito form e a cui noi risponderemo in tempi stretti.

Cosa studia psicologia clinica

Il miglior modo per avere una definizione della psicologia clinica è capire dove la potrete applicare a tesi discussa.

Ecco quindi qua sotto una precisa lista degli sbocchi professionali di uno psicologo con specializzazioni cliniche:

  1. il mondo della produzione di beni e di servizi (compresi ASL, ospedali, istituzioni scolastiche);
  2. cooperative e associazioni che gestiscano servizi residenziali e semiresidenziali, o realizzino progetti di prevenzione e riduzione del disagio nel corso di vita;
  3. attività professionali autonome di valutazione e sostegno psicologico a individui, gruppi sistemi familiari;
  4. ASP (Centri di Riabilitazione; Servizi materno-infantili, S.E.R.T);
  5. Consultori familiari, Enti Territoriali (Comuni, Regione);
  6. Servizi per la prevenzione del disagio;
  7. Istituzioni scolastiche ( sportelli di ascolto e progetti di prevenzione).

Si tratta di una branchia specifica della facoltà la cui durata di studi è di due anni e che è una laurea magistrale e, quindi, perseguibile dopo aver preso quella triennale inerente.

Nella seconda parte di questi studi avrete modo di fare esperienze dirette di psicologia clinica sul campo per aggiungere pratica a teoria ed avere così, al momento della laurea, un know-how moderno e al passo coi tempi imposto dagli Stati Uniti ma anche dal resto dell’Europa.

Essere psicologi sul web

Qualsiasi strada prenderete da neo-laureati in Psicologia clinica, ricordatevi che avrete a che fare con la rete e le sue regole (non regole).

Le persone con cui andrete ad interagire non sono più i pazienti/oggetto di un tempo i pazienti/soggetto in grado di intrattenere una conversazione paritaria con voi e, soprattutto, dotati della facoltà di informarsi sul tema dibattuto in pochi click.

Ecco perché dovrete individuare e leggere i più importanti forum, blog e giornali online sulla Psicologia Clinica e, magari, prevedere anche una vostra collaborazione per impratichirvi anche in questo “anfratto” della vostra area di competenza.

Come scegliere un master in materie di psicologia

Unicusano, per darvi la massima copertura del come diventare uno psicologo clinico, offre una serie di master ad hoc.

Fare una lista sarebbe impensabile perché ce ne sono di primo e secondo livello e vengono attivati costantemente ed in modo veloce potendo sfruttare l’agilità burocratica che sono una realtà come questa ha e per “cavalcare” l’attualità e quindi le necessità delle aziende e dei pazienti.

L’unico criterio valido su come scegliere un master in materie psicologiche è di andare nella nicchia che sentite davvero vostra, non importa quanto piccola vi appaia. Il bouquet è ricco per cui non accontentatevi di un argomento meno affascinante per voi!

Imparare ed insegnare uso dei social network

Il discorso non è tanto distante dal rapporto col web ma qua è più incentrato sulle persone, sugli individui.

Premesso che uno psicologo clinico dovrebbe sapere che sono nati disturbi ad hoc propri dei social (dove il narcisismo la fa da padrone), è chiaro che la gestione di un profilo sia molto indicativa di molte informazioni su un paziente.

Ecco perché dovreste studiarne la casistica e fare il passo successivo e cioè avere l’approccio costruttivo di insegnare poi una corretta fruizione dei social network ai giovani.

Come diventare uno psicologo clinico non è più un mistero per voi? Ottimo ma non sottovalutate la forza del web dove ogni minuto potrebbero comparire nuove cose da non perdere. Sta a voi non “abbassare mai la guardia” e stare vigili su questo tema che potrebbe cambiarvi la vita.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali