informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Storia dei media e della comunicazione di massa: ecco le tappe più importanti

Commenti disabilitati su Storia dei media e della comunicazione di massa: ecco le tappe più importanti Studiare a Roma

Curioso di conoscere più a fondo la storia dei media?

Sei nel posto giusto: in questa guida ti racconteremo una breve storia dei mezzi di comunicazione di massa, dalla nascita all’evoluzione nel corso degli anni.

L’espressione mezzo di comunicazione di massa risale alla prima metà del XX secolo in ambito anglosassone. Secondo la definizione di McQuail i “mezzi di comunicazione di massa”, o “media di massa”, in inglese mass media, sono mezzi progettati per mettere in atto forme di comunicazione «aperte, a distanza, con tante persone in un breve lasso di tempo».

Ma quali sono questi mezzi e che tipo di influenza hanno avuto e hanno tuttora nelle nostre vite? Scopriamolo ora nei prossimi paragrafi di questa guida.

Cronostoria della comunicazione di massa

Quando e come è nata la comunicazione di massa? In che modo questi strumenti hanno rivoluzionato le nostre vite? A queste (e molte altre) domande risponderemo nel corso di questa guida dedicata agli studenti dell’Università Niccolò Cusano.

LEGGI ANCHE – Mimica facciale: cos’è e quali sono le espressioni del viso

Definizione di mass media

Con il termine “media” intendiamo quel complesso di strumenti attraverso cui avvengono i processi di mediazione simbolica in una data comunità di utenti.

Se ci basiamo su questa definizione, possiamo dire che il primo strumento a nostra disposizione fu, nella preistoria, il nostro stesso corpo, in grado di emettere versi e gesti.

I graffiti che l’uomo della preistoria disegnava possono essere considerati a tutti gli effetti come il primo ‘medium’ esterno. Successivamente, la tradizione orale delle conoscenze tramandate da genitore a figlio avviava un processo evolutivo che portò a definire come media fondamentali tre principali veicoli d’informazione: testo scritto, immagini, suoni.

In realtà, nonostante possa sembrare un concetto appartenente al passato, anche in epoca moderna e contemporanea:

  • L’uomo continua ad apprendere dal testo scritto. Dal papiro ai codici medievali, al testo stampato e fino al moderno ipertesto;
  • L’uomo impara osservando le immagini. Dai graffiti alla fotografia e ai filmati;
  • I suoni hanno mantenuto, nei secoli, la stessa funzione di mediazione. Sono però fruiti in modo differente.

Cenni storici

Ora che abbiamo visto la definizione di media e le peculiarità legate ad essa, parliamo della storia dei media ripercorrendo, in linee generali, l’evoluzione dei mezzi di comunicazione nel corso di questi secoli.

Per più di quattro secoli l’unico vero medium di massa è stata la stampa, grazie alla sua invenzione ad opera di Gutenberg nel 1456. Con questa innovazione, le notizie iniziarono a diffondersi velocemente da una parte all’altra. Le forti innovazioni giunte nell’Ottocento come lo sviluppo delle ferrovie e i progressi nella distribuzione delle reti elettriche consentirono la nascita del secondo mezzo di comunicazione di massa, un vero e proprio salto qualitativo nel mondo delle comunicazioni: il telegrafo.

Nella seconda metà dell’Ottocento avvenne l’invenzione del telefono e del cinema. La vera esplosione delle comunicazioni di massa avvenne però nel Novecento: questo fu, infatti, il secolo della radio, poi della televisione e infine di Internet. L’introduzione di questi media ha avuto un impatto molto forte sulle abitudini quotidiane di un numero di persone sempre crescente

Nel corso del Novecento lo sviluppo e l’espansione capillare dei media di massa seguirono il progresso scientifico e tecnologico; infatti i media, oltre ad essere mezzi per veicolare le informazioni, sono anche oggetti tecnologici con i quali l’utente interagisce.

La tecnologia ha giocato un ruolo chiave nella diffusione delle informazioni: pensa, ad esempio, a quanto è facile accedere a libri, film e giornali a bassissimo costo.

L’avvento di internet costituisce un po’ il punto di svolta nelle comunicazioni di massa degli ultimi decenni e un vero e proprio spartiacque fra quelli che definiamo “media tradizionali” come la radio, la stampa e la tv e i cosiddetti “nuovi media”.

Tipi di media di massa

Abbiamo visto la storia dei media e le tappe più importanti che l’hanno caratterizzata. Ma quali sono i “prodotti” di questo percorso?

I mezzi di comunicazione di massa possono essere riassunti in:

  • Stampati come libri, opuscoli, giornali, fumetti, riviste, diffusi dalla fine del XV secolo;
  • Registrazioni come dischi in vinile, nastri magnetici, musicassette, CD, VHS, DVD, diffusi dalla fine del XIX secolo;
  • Cinema dal 1900 circa;
  • Radio dal 1910 circa;
  • Televisione dal 1950 circa;
  • Internet dal 1990 circa.

Vediamo di scoprire qualcosa in più su alcuni di questi mezzi.

Cinema

Il cinema vero e proprio nasce alla fine del XIX secolo. Per definire le ricerche che hanno portato all’invenzione del cinema, quindi precedenti al primo film effettivo del 1891, si parla di Precinema.

Nella concezione comune, gli inventori del cinema sono i fratelli Lumière. In realtà, gli stessi Lumière non hanno rivendicato quanto sostenuto, correggendo queste affermazioni e dicendo che il cinema è stato il risultato di ricerche perseguite febbrilmente in tutto il mondo e che ciascuno aveva raggiunto il suo scopo.

Una data assai importante per la storia del cinema fu il 20 maggio 1891: in quel giorno, l’americano Thomas Edison, inventore della fabbricazione industriale della lampadina elettrica nonché progettista e produttore del fonografo, insieme al suo principale collaboratore, l’ingegnere elettrico William Kennedy Laurie Dickson, riuscì a presentare in pubblico il suo primo film, Dickson greeting.

Radio

Possiamo definire la radio come il mezzo con cui avviene la trasmissione di contenuti sonori fruiti in tempo reale da più utenti situati in una o più aree geografiche (predisposte da apposite reti di telecomunicazione) e dotati di specifici apparecchi elettronici ed, eventualmente, specifici impianti di telecomunicazione.

L’invenzione della radio è frutto di una serie di esperimenti tenuti alla fine dell’Ottocento:

  • Nel 1860 James Maxwell studiò il carattere ondulatorio della luce, dell’elettricità e del magnetismo;
  • Heinrich Hertz riuscì a produrre le onde elettromagnetiche
  • Guglielmo Marconi riuscì ad elaborare il sistema di trasmissione senza fili garantendo la trasmissione d’informazioni a grandi distanze, riuscendo, per la prima volta nel 1901, a trasmettere la lettera /s/ attraverso l’Atlantico.

Internet

Internet è una rete ad accesso pubblico che connette vari dispositivi o terminali in tutto il mondo. Si tratta del principale mezzo di comunicazione di massa in grado di mettere in contatto persone da tutto il mondo.

L’origine di Internet risale agli anni sessanta, su iniziativa degli Stati Uniti, che misero a punto durante la guerra fredda un nuovo sistema di difesa e di controspionaggio.

La prima pubblicazione scientifica in cui si teorizza una rete di computer mondiale ad accesso pubblico è On-line man computer communication dell’agosto 1962, pubblicazione scientifica degli statunitensi Joseph C.R. Licklider e Welden E. Clark. Nella pubblicazione Licklider e Clark, ricercatori del Massachusetts Institute of Technology, danno anche un nome alla rete da loro teorizzata: “Intergalactic Computer Network”.

Tuttavia, è nel 1991 quando il governo degli Stati Uniti d’America emana la High performance computing act, la legge con cui per la prima volta viene prevista la possibilità di ampliare, per opera dell’iniziativa privata e con finalità di sfruttamento commerciale, una rete Internet fino a quel momento rete di computer mondiale di proprietà statale e destinata al mondo scientifico.

Hai le idee più chiare sulla storia dei media e la loro evoluzione?

Se desideri approfondire alcuni aspetti di questo tema, l’Università Niccolò Cusano offre, nel suo piano formativo, diversi master di natura comunicativa. Ne sono esempi:

Per iscriverti ai nostri master o corsi di perfezionamento, scrivici o chiama il numero verde 800.98.73.73

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali