informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Tecniche per parlare in pubblico: quello che devi sapere

Commenti disabilitati su Tecniche per parlare in pubblico: quello che devi sapere Studiare a Roma

Sei alla ricerca di consigli sulle migliori tecniche per parlare in pubblico?

Sei nel posto giusto: in questa guida troverai le dritte su come parlare in pubblico superando il panico da microfono e acquisendo un metodo efficace in tutti i contesti.

Non riuscire a parlare davanti ad una platea è un fenomeno piuttosto comune: il battito accelerato e la sudorazione a freddo sono chiari segnali di imbarazzo che il tuo corpo ti trasmette quando ti cimenti nel public speaking.

Che fare, dunque, per risolvere questo problema e superare la paura? Vediamo subito tutto quello che devi sapere per padroneggiare l’arte oratoria.

Consigli e metodi per superare la paura di parlare in pubblico

Dalle cause della paura agli esercizi per parlare in pubblico, ecco quello che devi fare per diventare un esperto di public speaking.

LEGGI ANCHE – Competenze relazionali: cosa sono e perché sono importanti nel CV

Ansia da public speaking: le cause

Prima di parlare di esercizi e tecniche per parlare in pubblico, cerchiamo di capire quali possono essere le cause della paura e perché hanno un impatto emotivo così forte.

Nonostante associamo il concetto di public speaking a qualcosa di contemporaneo, l‘ars oratoria vede la sua nascita moltissimi secoli fa. Ti basti pensare che uno dei massimi esperti in questo campo è stato Cicerone, vissuto nell’Antica Roma, i cui consigli sono ancora attualissimi.

panico da microfono

Uno degli elementi bloccanti per chi vuole parlare in pubblico è proprio l’ansia. Questa ansia innesca un circolo vizioso da cui può essere difficile uscirne. “Non riesco a parlare in pubblico“, è questo che ti ripeti ogni volta che questo fenomeno si ripresenta.

In realtà è importante capire quali aspetti di questa esperienza ti fanno veramente paura, tornando alle cause. Le cause del tuo blocco possono essere:

  • Scarsa autostima: tutte le cause che vedremo dopo questa derivano da un’unica grande matrice: la mancanza di autostima. Una scarsa autostima e una bassa considerazione di te stesso e delle tue capacità ti portano a sviluppare una mancanza di sicurezza, che si ripercuote in tutti gli ambiti della tua vita;
  • Paura di sbagliare: il terrore di fare male e di dire qualcosa di sbagliato ti blocca e ti impedisce di preparare un discorso e di parlare a braccio;
  • Paura del giudizio degli altri: una delle cose che abbiamo più a cuore è apparire bene agli occhi degli altri. Il giudizio negativo e la paura di fare brutta figura hanno un peso molto elevato nella tua propensione al parlare pubblicamente.

Un mix di queste cause possono generarti ansia, panico da microfono, sudorazione e balbettio, che difficilmente puoi controllare se non agisci direttamente sul fenomeno.

Vediamo ora quali tecniche per parlare in pubblico puoi mettere in atto per superare, una volta per tutte, la tua ansia.

LEGGI ANCHE – Programmi per slide: i migliori da provare (anche gratis)

10 trucchi per parlare bene

Ora che abbiamo visto le ragioni principali dell’ansia di parlare in pubblico, vediamo quali sono le 10 cose da fare per superare questo blocco e diventare degli oratori provetti.

Familiarizza con il tuo pubblico

La prima domanda che devi porti è: a chi si rivolge il tuo discorso? Conoscere bene la tua audience ti permetterà di capire cosa si aspettano da te e in che modo puoi stupirli con le tue parole.

Padroneggia l’argomento

Uno dei principi più importanti per il buon oratore è quello di conoscere a fondo l’argomento di cui parla. Si tratta di uno degli aspetti cardine anche per Cicerone, che mette al centro di tutto la profonda sapienza dell’oratore.

Padroneggiare l’argomento ti servirà per:

  • Acquisire sicurezza in te stesso e in ciò che dici
  • Argomentare e uscire fuori dal tracciato nel caso in cui tu perda il filo del discorso
  • Rispondere a tutte le domande poste dalla platea

Esercitati molto

Fare esercizio è alla base di tutte le tecniche per parlare in pubblico. Infatti, è solo con tanta pratica che riuscirai ad acquisire un livello di sicurezza tale da permetterti di essere sciolto davanti alla tua platea.

Parlare a braccio non è una buona idea: occorre una grande preparazione del tuo discorso, curata in ogni particolare. Il modo migliore per preparare un discorso eccellente è scriverlo e memorizzarlo, senza però imparare a memoria.

Ripeti più volte ad alta voce il tuo discorso davanti allo specchio, facendo attenzione al tono di voce, alla mimica facciale e alla gestualità.

Arriva sul posto un’ora prima

Arriva sempre con largo anticipo sul posto in cui dovrai tenere il tuo speech. Ciò ti permetterà di familiarizzare con l’ambiente, di osservare la posizione del palco e di fare dei test audio.

Importantissimo fare un check di tutte le attrezzature audiovisive. Verifica che il microfono funzioni e, se hai delle slide e un tuo PC, assicurati che siano ben proiettate e che tutto funzioni nel modo giusto.

Parla con il tuo pubblico

Tra le tecniche per parlare in pubblico e rompere il ghiaccio, c’è sicuramente quella di comunicare con la platea prima di iniziare la tua presentazione.

Familiarizza, ad esempio, con le persone sedute in prima fila: questo ti aiuterà ad accorciare le distanze e ad essere più tranquillo e disinvolto.

Fissa un punto nella platea

Ci siamo: finalmente sei sul palco. Per superare l’imbarazzo, prova a fissare un punto nella platea e concentra lì il tuo sguardo.

Procedi con lentezza

Non farti prendere dall’ansia e organizza il tuo discorso procedendo con lentezza: scandisci bene le parole e prenditi le giuste pause.

Dai degli spunti di riflessione al tuo pubblico, osserva le reazioni e non aver fretta di concludere: l’importante è che rispetti i tempi massimi dati dall’organizzazione.

Fai attenzione a tono e volume della voce

La voce è oggetto di tantissime tecniche per parlare in pubblico. Si tratta di un elemento fondamentale e capace di veicolare emozioni e sentimenti alla tua platea.

Non utilizzare una voce piatta durante il tuo discorso: cerca di regolare tono e volume a seconda di ciò che stai comunicando e delle sensazioni che vuoi trasmettere.

Utilizzare un volume troppo basso di voce rischia di trasmettere dubbio e insicurezza.

Non essere noioso

Il pubblico ha bisogno di divertirsi, di entrare in empatia con l’oratore. Come fare? Usa il senso dell‘umorismo. Non aver paura di fare una battuta durante il tuo discorso, ma assicurati che non possa essere fraintesa in nessun modo e che tutti possano capirla.

Se ti senti agitato, dillo al pubblico e cerca di esorcizzare la paura, in modo che questa non ti blocchi. La sincerità è un’arma empatica potente, non temere di usarla.

Inizia bene il discorso

L’incipit di un discorso è forse la parte più importante. Grazie ad una buona apertura, riuscirai subito a catalizzare l’attenzione su di te e a renderti interessante agli occhi della platea.

Si, ma quali sono le tecniche per parlare in pubblico e iniziare con grinta uno speech? Ecco come potresti aprire la tua performance:

  • Fai delle domande retoriche: la domanda retorica è molto utilizzata per aprire un discorso. Questa innesca curiosità nel pubblico, che vorrà capire qual è la tua risposta;
  • Narrazione e storytelling: raccontare storie è un’arte che un buon oratore deve possedere. Racconta una storia per entrare in sintonia con il pubblico e coltivare l’empatia;
  • Frase ad effetto: colpisci la platea con una frase che non si aspetta, quasi provocatoria.

Hai le idee più chiare sulle tecniche per parlare in pubblico?

Siamo certi che, grazie ai consigli dell’Università Niccolò Cusano, capirai come  parlare bene in pubblico, abbandonando la paura e conquistando gli applausi della platea.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali