informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cosa fare ad un colloquio di lavoro? 7 dritte per fare colpo

Commenti disabilitati su Cosa fare ad un colloquio di lavoro? 7 dritte per fare colpo Studiare a Roma

Stai cercando lavoro? Beh, se sei alla ricerca dell’occupazione ideale, ti sarai sicuramente chiesto cosa fare ad un colloquio di lavoro per conquistare subito la fiducia del tuo interlocutore e guadagnarti un posto in azienda.

Affrontare con grinta un colloquio è il primo passo, dopo il tuo CV, per colpire il selezionatore: in questa occasione dovrai dare il meglio di te per farti conoscere e far capire che sei la persona giusta a soddisfare le esigenze dell’impresa.

Se non sai come prepararti al “grande giorno”, abbiamo pensato proprio a tutto: in questa guida dell’Università Niccolò Cusano troverai i 7 consigli per superare un colloquio e ottenere il lavoro dei tuoi sogni. Se sei pronto, iniziamo subito.

Ecco come fare bella figura ad un colloquio di lavoro

L’idea di presentarti ad un appuntamento di lavoro ti spaventa e ti fa sentire “giudicato”? Inizia praticando una buona dose di pensiero positivo e credendo in te stesso: non c’è nessun traguardo che non puoi raggiungere, lavorando sodo.

Ecco le 7 dritte da sfruttare assolutamente per trasformare il tuo colloquio in un successo assicurato.

LEGGI ANCHE >> Come organizzarsi la giornata

#1 – Informati sull’azienda

Se vuoi sapere cosa fare ad un colloquio di lavoro, sicuramente giocherà a tuo vantaggio il mostrare di conoscere approfonditamente l’azienda per cui vorresti lavorare.

Molto spesso, quando si cerca lavoro, si inviano curriculum vitae in modo massivo, senza badare troppo all’azienda con cui ci si sta interfacciando. Dare questa impressione ti allontanerà sempre di più dal prototipo di collaboratore ideale.

Dimostra al tuo interlocutore di conoscere l’azienda, la sua storia, i suoi valori. Dimostra di conoscere i servizi che offre o i prodotti che vende, informati sulle sue attività generali e sulle persone già presenti nel team. Non dare l’idea di volere un posto di lavoro, ma fai capire al selezionatore che vorresti proprio QUEL posto di lavoro, in quell’azienda.

Per reperire informazioni sull’impresa, cerca in rete leggendo il company profile sul sito web e dando un’occhiata a ciò che scrivono sui loro canali social.

#2 – Scegli l’abbigliamento adatto

Come vestirsi ad un colloquio? Se vuoi fare una buona impressione, indossa ciò con cui ti senti a tuo agio rimanendo comunque professionale. Opta per dei vestiti in linea con il ruolo per cui ti stai candidando: se stai cercando lavoro come avvocato, per esempio, punta su un abbigliamento classico ed elegante.

Se, invece, stai cercando lavoro in un’agenzia creativa, puoi permetterti anche un look più semplice. L’importante è che tu ti senta a tuo agio.

#3 – Presentati in orario

Uno degli errori più frequenti quando ci si presenta ad un colloquio di lavoro è arrivare in ritardo.

Assicurati di arrivare almeno 10 minuti prima dell’intervista. La compagnia apprezzerà la tempestività e la rapidità. Meglio arrivare leggermente in anticipo che in ritardo. In questo modo avrai anche il tempo di guardarti intorno e di capire qualcosa in più sull’ambiente e sul tuo interlocutore.

#4 – Spiega come puoi valorizzare l’azienda

Una delle cose più importanti che puoi fare durante una ricerca di lavoro è mostrare al responsabile HR che cosa puoi portare all’azienda. I datori di lavoro cercano candidati che aggiungano valore alla loro organizzazione, e uno degli obiettivi del selezionatore è assicurarsi di scegliere la persona migliore per raggiungere lo scopo.

Cosa fare, dunque? Ci sono molti modi in cui puoi gestire questa parte del tuo incontro, in cui il tuo interlocutore ti chiederà perché sei interessato a lavorare per l’azienda e perché il tuo profilo è quello giusto per ricoprire quel ruolo vacante.

Ecco come valorizzare te stesso e rispondere a questa domanda:

  • Spiega come hai portato valore nelle aziende con cui hai lavorato in precedenza. Trova un indicatore del tuo successo e portalo come esempio nel corso del colloquio. Se ti sei occupato di vendite nel tuo ruolo precedente, spiega come il tuo approccio ha aumentato le vendite del 40% di un determinato prodotto della gamma aziendale
  • Elenca eventuali premi o riconoscimenti ottenuti nel tuo lavoro
  • Utilizza verbi attivi e parole che aiutano a rafforzare il concetto di valorizzazione dell’impresa in cui lavori. Usa ad esempio verbi come “costruire”, “raggiungere”, “creare”, “migliorare”

#5 – Parla di te (chiaramente e senza bugie)

Tra le domande più frequenti ad un colloquio, c’è la tanto temuta “Parlaci di te”. Sembra una domanda semplice, ma in realtà è difficilissimo rispondere in poco tempo facendo cogliere al tuo interlocutore quelle che sono le tue reali potenzialità.

Quando ricevi questa domanda, comportati con naturalezza e rispondi con quelli che reputi i tuoi punti di forza. Ecco quello che ti consigliamo di fare:

  • Non dire proprio tutto su di te ed evita di esporti con informazioni potenzialmente controverse come il credo politico. In generale, evita di fare polemica
  • Condividi con sincerità quella che è la tua esperienza e aggiungi qualcosa che sul tuo cv non è presente
  • Mostra la tua personalità, parlando di ciò che ami fare nel tempo libero, delle tue passioni e dei tuoi hobby
  • Pensa ad almeno tre tuoi punti di forza e cerca di valorizzarli al meglio

#6 – Mantieni un buon comportamento non verbale

Ciò che dici ad un colloquio è importante, ma ti sei chiesto quanto influisca ciò che non dici? Avere cura del tuo linguaggio non verbale può trasmettere molto su di te.

Facciamo degli esempi:

  • La tua stretta di mano deve essere energetica e vigorosa. Questo trasmette sicurezza in te stesso e determinazione
  • Mantieni il contatto visivo con l’intervistatore durante tutto il colloquio
  • Assicurati di avere una postura aperta: non incrociare le braccia, non frapporre oggetti fra te e il tuo interlocutore e apri le spalle
  • Mostrati interessato a tutto ciò che ti dice il tuo interlocutore, annuendo con la testa di tanto in tanto

#7 – Pensa in anticipo alle domande che potrebbero farti (e alle possibili risposte)

Se ti stai chiedendo cosa fare ad un colloquio di lavoro, sicuramente dovrai rispondere nel modo più esaustivo e convincente possibile alle domande che ti verranno rivolte.

Prova ad immaginare, in anticipo, le domande che riceverai e datti delle risposte. Tra le domande più frequenti ad un colloquio:

  • Raccontaci di te
  • Qual è il tuo punto di forza?
  • Qual è il tuo punto di debolezza?
  • Ti consideri una persona di successo? Perché?
  • In che modo gestisci un insuccesso?
  • Hai mai fallito nel lavoro?
  • Come gestisci il lavoro sotto pressione?
  • Lavori bene in team?
  • Perché dovremmo scegliere te?
  • Come ti vedi da qui a 10 anni?
  • Cosa ti motiva?

Su cosa fare e dire ad un colloquio abbiamo detto proprio tutto, per oggi: non ti resta che affrontare l’incontro e mostrare al tuo interlocutore tutto il tuo talento.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali