informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come superare gli esami di giurisprudenza? L’approccio da seguire

Commenti disabilitati su Come superare gli esami di giurisprudenza? L’approccio da seguire Studiare a Roma

Come superare gli esami di giurisprudenza? Questa è sicuramente una delle domande più comuni tra chi si approccia a questa facoltà per la prima volta. Giurisprudenza ha la “fama” di essere una delle lauree più difficili ed impegnative: proprio per questa sua caratteristica, non è raro che gli studenti si preoccupino molto di come affrontare i primi esami nel modo giusto.

Iniziamo col dirti che, senza dubbio, la laurea in giurisprudenza richiede molto impegno nello studio, ma soprattutto un metodo davvero efficace per studiare in modo profittevole. Questo è esattamente ciò che fa la differenza per avere i risultati che desideri e superare gli esami senza intoppi. In questa guida ti spiegheremo come si superano gli esami di giurisprudenza seguendo un metodo di studio ideale e prestando attenzione a tutti quei fattori che possono incidere sui risultati. Iniziamo subito.

Come studiare per superare gli esami di giurisprudenza

Che siano orali o scritti, i primi esami di giurisprudenza sono uno “scoglio” da superare per tutte le nuove matricole. Se ti sei appena iscritto all’Università e non sai da dove cominciare, continua nella lettura: ecco i migliori consigli per studiare giurisprudenza in modo efficace.

Il metodo di studio per giurisprudenza

La prima cosa da dire in questa guida riguarda il metodo di studio ideale per approcciare alla facoltà di giurisprudenza. Come probabilmente saprai, il metodo di studio è quel complesso di pratiche che ti permette di apprendere al massimo delle tue possibilità. Contrariamente a ciò che si pensa, il metodo di studio non riguarda solo la fase di studio vera e propria: questo, infatti, include tutto ciò che riguarda la tua formazione, dall’ascolto delle lezioni allo svolgimento dell’esame.

Giurisprudenza, così come le altre facoltà, richiede un metodo di studio adatto per collegare molte informazioni fra loro. Le fasi più importanti di questo processo sono:

  1. Ascolto delle lezioni
  2. Appunti
  3. Programmazione dello studio
  4. Studio vero e proprio

Vediamoli nel dettaglio.

Ascolto delle lezioni

Se vuoi capire come superare gli esami di giurisprudenza, il segreto più importante riguarda proprio la fase iniziale del tuo studio, che consiste nel “primo incontro” con la disciplina oggetto della prova. Tipicamente, il primo incontro avviene durante la lezione con il docente. Le lezioni sono il punto di partenza di uno studio di qualità. Seguire le lezioni con attenzione ti sgrava di buona parte dell’organizzazione iniziale delle informazioni e ti consente di comprendere appieno tutto ciò che verrà poi trattato nei libri.

Ascoltare le lezioni ti permette di:

  • Capire alla perfezione tutto quello che dovrai studiare e arrivare più preparato alla fase successiva
  • Chiarirti le idee su concetti meno intuitivi e difficili da capire da solo
  • Fare al docente tutte le domande che desideri sul tema
  • Avere già una prima infarinatura dell’argomento

Per questo il nostro primo consiglio per avere risultati profittevoli a giurisprudenza è quello di ascoltare le lezioni. Se sei iscritto all’Unicusano, puoi seguirle comodamente online, grazie alla nostra metodologia telematica. Con questa metodologia, puoi seguire le lezioni su un’area studente online dedicata, in cui potrai anche rivolgere le tue domande al docente e scaricare il materiale didattico di supporto allo studio.

Appunti

Altro elemento importantissimo per avere successo all’università è prendere appunti efficacemente. La fase degli appunti inizia già durante l’ascolto delle lezioni. Ti consigliamo di procedere procurandoti carta e penna, oppure un supporto digitale. A questo punto, inizia a segnare solamente i concetti più importanti.

Non approcciare agli appunti come se fossero un “dettato”. Piuttosto, segna dei concetti e delle parole chiave e cerca di collegarli tra loro. Una volta presi i primi appunti, avrai una fotografia più chiara del tema da affrontare. Per aiutarti ancora di più a capire, puoi realizzare una mappa concettuale.

Programmazione dello studio

La programmazione dello studio è fondamentale per essere sempre organizzato. Ma cosa significa esattamente programmare lo studio? Studiare all’università è diverso rispetto al liceo. Qui dovrai scegliere gli esami che dovrai sostenere volta per volta e prepararti per ciascun esame. Per poterti preparare al meglio, è utile programmare lo studio e organizzare la tua giornata in funzione di questo.

Noi consigliamo di procedere in questo modo:

  • Dai un’occhiata a tutti gli esami di giurisprudenza da sostenere durante l’anno
  • Dividi gli esami da dare per ogni sessione
  • Datti degli obiettivi macro. Ad esempio, dare due esami entro 3 mesi
  • Datti degli obiettivi micro. Di questo parleremo qui sotto

Gli obiettivi micro, infatti, riguardano l’organizzazione delle tue giornate di studio. Supponiamo che tu voglia sostenere due esami entro tre mesi. Dovrai adesso organizzare gli argomenti da studiare per ogni settimana e, subito dopo, organizzare le tue giornate in base alla parte di programma su cui vorrai concentrarti.

Per prima cosa, analizza il tuo materiale di studio. Dividilo in parti e quantifica realisticamente l’impegno giornaliero che ti richiede lo studio di ogni capitolo. A questo punto, per ogni giornata a disposizione, prepara una tabella simile a questa, in base agli impegni che hai:

  • Dalle 9:00 alle 11:00 >> studio capitoli 1 e 2 del manuale
  • Dalle 11:00 alle 11:15 >> PAUSA
  • Dalle 11:15 alle 12:00 >> Ripasso capitoli 1 e 2
  • Dalle 12:00 alle 13:00 >> studio capitolo 3
  • Dalle 13:00 alle 14:00 >> PAUSA
  • Dalle 14:00 alle 14:30 >> ripasso capitolo 3
  • Dalle 14:30 alle 16:00 >> studio capitolo 4
  • Dalle 16:00 alle 16:15 >> PAUSA
  • Dalle 16:15 alle 17:00 >> ripasso capitolo 4
  • Dalle 17:00 alle 18:00 >> ripasso complessivo capitoli 1,2,3 e 4

ATTENZIONE: è fondamentale organizzare al meglio le giornate calcolando obiettivi di studio realistici e, soprattutto, con margini di errore accettabili. Gli imprevisti possono sempre capitare: per evitare di ritrovarti a studiare tutto insieme a ridosso della prova, calcola sempre margini flessibili.

Studio vero e proprio

Se vuoi superare gli esami di giurisprudenza, dovrai essere sempre molto motivato e prepararti a studiare al meglio. Studiare significa comprendere a fondo un argomento e farlo tuo. L’approccio, in questo caso, potrebbe seguire questi passaggi:

  • Una prima lettura superficiale del capitolo da studiare
  • Un’eventuale integrazione degli appunti con le nuove nozioni apprese dalla tua prima lettura
  • Una seconda lettura più approfondita. Se lo desideri, puoi sottolineare i concetti più rilevanti
  • A questo punto, puoi iniziare a memorizzare le informazioni. Abbiamo parlato in altri articoli di questo blog di come aumentare la concentrazione e memorizzare meglio
  • Ripassa i concetti a fine giornata e ogni volta che termini un capitolo

Secondo molti approcci, il modo migliore per fissare le informazioni è ripetere ad alta voce. Molto dipende dall’individualità di ognuno di noi. Puoi provare un altro approccio più dinamico, che ti permette anche di creare dei collegamenti:

  • Immagina tutte le domande frequenti sull’argomento che stai studiando
  • Segnale su un foglio
  • Chiedi ad un collega di università di rivolgertele e di “simulare” un esame. In alternativa, puoi rivolgerti le domande da solo allo specchio e iniziare a provare la tua preparazione

Quello che possiamo dirti è che, contando su un metodo di studio, sarà molto più facile superare gli esami. Non ti resta che sperimentare e trovare la strada migliore per te.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali