informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come diventare consulente finanziario: studi e opportunità

Commenti disabilitati su Come diventare consulente finanziario: studi e opportunità Studiare a Roma

Come diventare consulente finanziario? Questa è una delle domande più frequenti tra i giovani studenti che si iscrivono ad un corso di laurea di natura economica e intendono intraprendere una professione strettamente correlata al ramo della finanza.

Quello del consulente finanziario è un lavoro davvero affascinante e molto ricercato sul mercato: il suo compito principale è quello di vendere i servizi dell’azienda, per conto di una banca o un ente di credito. Il lavoro del promotore finanziario, oggi denominato consulente finanziario abilitato all’offerta fuori sede, è quello di spiegare al cliente il miglior servizio che può acquistare e a consigliarlo sul pacchetto più idoneo alle sue esigenze.

Come potrai immaginare, si tratta di un lavoro che richiede una serie di competenze e abilità, oltre all’iscrizione ad un apposito Albo. In questa guida ti spiegheremo come diventare promotore finanziario e quali sono i passaggi da fare per intraprendere con successo questa professione. Se sei pronto, iniziamo subito.

Quello che devi sapere su come diventare promotore finanziario

Ci sono differenze tra consulente e promotore finanziario? Quali sono le competenze necessarie per svolgere al meglio questo lavoro? A queste (e molte altre) domande risponderemo nei prossimi paragrafi della nostra guida.

LEGGI ANCHECome diventare consulente della privacy: studi e opportunità

Consulente o promotore finanziario?

Uno dei dubbi più frequenti quando si fa riferimento a questa professione riguarda la distinzione fra consulente e promotore finanziario.

In realtà, quando parliamo di consulente finanziario facciamo riferimento alla nuova dicitura entrata in vigore per legge: il promotore finanziario si chiama oggi consulente finanziario (per la precisione si dovrebbe parlare di “consulente finanziario abilitato all’offerta fuori sede”). Le sue funzioni però sono comunque legate all’espletamento di un mandato per un intermediario.

Diversa è la figura del consulente finanziario indipendente, che è colui che non può avere accordi commerciali di nessun tipo con intermediari finanziari (banche e assicurazioni). Questo professionista svolge un’attività di pura consulenza lasciando il rapporto con la banca al cliente ed è pagato soltanto dal cliente per la consulenza che svolge, non percependo alcuna commissione sul venduto.

In questa guida, però, facciamo riferimento al consulente finanziario del primo tipo, ossia il professionista le cui mansioni sono accomunabili a quelle del promotore.

Consulente finanziario: chi è e cosa fa

La prima cosa da dire quando si parla di come diventare promotore finanziario riguarda proprio le caratteristiche di base di questo professionista.

Il consulente finanziario è quel professionista che ha il compito di gestire l’offerta fuori sede di strumenti finanziari e di servizi di investimento. Si tratta dell’unica figura professionale che, in rappresentanza di un intermediario abilitato (banca, società di gestione del risparmio o società di intermediazione finanziaria o mobiliare), può svolgere nei confronti dei risparmiatori o potenziali clienti attività di promozione e di collocamento di dati servizi di investimento e/o di strumenti finanziari.

Per ottemperare al meglio alla sua funzione, il consulente dovrà conoscere perfettamente i servizi che l’azienda per cui lavora offre e soprattutto saperli spiegare ai clienti.

L’accesso alla professione è subordinato ad alcuni specifici requisiti, riconosciuti grazie all’iscrizione all’albo Promotori Finanziari (albo PF). Vediamo ora che cos’è l’esame promotore finanziario e come funziona l’iscrizione all’albo.

Requisiti di accesso alla professione

Come abbiamo detto, una cosa da sapere quando si parla di come diventare consulente finanziario fa riferimento ai requisiti di accesso alla professione.

Soddisfare questi requisiti è fondamentale per potersi iscrivere all’Albo unico dei Consulenti Finanziari e intraprendere la professione.

Per accedere all’albo è necessario possedere:

  1. Requisiti di onorabilità;
  2. Requisiti di professionalità.

Quando parliamo di requisiti di onorabilità, facciamo riferimento a queste linee guida stabilite dalla normativa:

  • Non bisogna essere inabilitato, interdetto, fallito e neanche condannato ad una pena che comporta l’interdizione, anche nel caso in cui sia solo temporanea, dai pubblici uffici o la non capacità ad esercitare uffici direttivi (Codice Civile articolo 2382);
  • Non si deve essere soggetto a misure preventive come previsto dalla normativa antimafia, fatta eccezione nel caso in cui si ha la riabilitazione;
  • Non bisogna avere condanne con una sentenza irrevocabile, e anche in questo caso fatta eccezione nei casi di riabilitazione.

Parlando, invece, dei requisiti di professionalità propri della sfera lavorativa dell’aspirante promotore, questi saranno valutati attraverso un esame che, se superato, consente l’iscrizione all’Albo.

Possono ottenere l’inserimento nell’Albo dei Promotori Finanziari, senza superare la prova valutativa, i soggetto che hanno avuto esperienze professionali come:

  • Agenti di cambio abilitati ufficialmente ;
  • Negoziatori abilitati ad esercitare la professione nei mercati regolamentari;
  • Funzionari di banca o anche di un impresa d’investimento (almeno 3 anni di esperienza in servizi per l’investimento);
  • Funzionari di Sim o banche con mansioni di responsabili del controllo interno per almeno tre anni.

Esame promotore finanziario

Il passaggio importante per diventare consulente finanziario e iscriversi all’Albo è superare l’esame. Si tratta di una prova della durata complessiva di 85 minuti, che prevede 60 domande totali a risposta multipla (i quesiti hanno 4 risposte possibili, di cui solo una corretta). A 40 domande (28 domande teoriche e 12 domande di pratica) dei 60 quesiti, viene dato un punteggio di 2 punti se si risponde bene e per la restante parte (20 domande di carattere teorico) un solo punto, per un totale di 100 nel caso in cui si risponde bene a tutte.

L’esame si considera superato se il candidato raggiunge almeno 80 punti.

Gli studi del consulente finanziario: corsi di laurea Unicusano

Ora che abbiamo visto come diventare consulente finanziario e qual è l’iter da seguire per poter accedere alla professione, parliamo degli studi che un consulente deve avere alle spalle per svolgere questo lavoro.

Anzitutto specifichiamo che, ai fini dell’iscrizione all’Albo, è necessario avere un titolo di studio non inferiore al diploma di scuola media superiore per un corso di studi di durata quinquennale. Dunque, per la normativa vigente, non è obbligatorio possedere una laurea per accedere alla professione.

Tuttavia, essendo necessarie diverse competenze teorico-pratiche sul commercio, sulla finanza e sull’economia, un percorso di studi universitario è la scelta migliore da fare prima di lanciarsi in questa professione.

Per poter acquisire le competenze di cui hai bisogno, i corsi dell’area economica dell’Università Niccolò Cusano rappresentano la soluzione ideale.

I nostri corsi dell’area economica sono:

Il corso di laurea in economia aziendale e management, di durata triennale, ha come obiettivo quello di trasmetterti conoscenze  i  di base su tutto ciò che riguarda la finanza, l’economia, la matematica e la statistica. Questo percorso di studi, pur avendo un focus economico, è ricco di approfondimenti anche su altre discipline, come la giurisprudenza ed è pertanto utile per approcciare a diverse professioni.

Le competenze acquisite durante questo corso di laurea hanno a che fare con:

  • Consulenza aziendale nelle diverse forme e nei differenti settori dell’area aziendale e dei mercati finanziari;
  • Supporto e della consulenza alla clientela in riferimento ai servizi finanziari e commerciali svolta prevalentemente alle dipendenze di istituti bancari, assicurativi e finanziari;
  • Rilevazione, elaborazione, gestione e monitoraggio e analisi di dati statistici utili a fini descrittivi e previsionali nei diversi ambiti aziendali.

Se, dopo la laurea triennale, desideri proseguire i tuoi studi e avere conoscenze ancora più solide nel campo della finanza, il corso di laurea magistrale in scienze economiche è perfetto per te.

Su come diventare consulente finanziario ti abbiamo detto proprio tutto, ora tocca a te: per iscriverti ai nostri corsi di laurea e acquisire tutte le competenze utili per farti diventare un professionista nel campo, contattaci o chiama il numero verde 800.98.73.73

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali