informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come affrontare la maturità scientifica?

Commenti disabilitati su Come affrontare la maturità scientifica? Studiare a Roma

Il momento tanto atteso è giunto anche per te quest’anno: la fine del liceo e la prova finale. Soprattutto, la prova finale.

Il pensiero di dover preparare l’esame di maturità inizia a diventare martellante e, con il passare dei mesi, diventerà sempre più invadente. Ma niente paura, è tutto nella norma: alla fine si tratta di un evento a cui sono sopravvissuti tutti, quindi non è necessario farsi prendere dal panico.

Se vuoi investire sulla tua serenità e sulle strategie utili ad ottenere un buon risultato, senza soccombere allo stress, ci sono degli accorgimenti a cui dovrai far caso per muoverti con il giusto anticipo. In questa guida ti mostreremo i migliori approcci per superare al meglio la maturità scientifica, tenere a bada lo stress e raggiungere i tuoi obiettivi. Iniziamo subito.

Le strategie per superare l’esame di maturità senza problemi

Gli esami di stato sono una prova a cui è meglio iniziare a pensare fin dall’inizio dell’anno, senza inutili ansie debilitanti. Per raggiungere questo obiettivo, bisogna organizzare il lavoro in maniera precisa, aggirando le perdite di tempo.

Ecco i consigli essenziali per procedere al meglio.

Colmare le proprie lacune

Se sei uno studente modello di default e hai la fortuna di non aver lacune di alcun genere, in nessuna materia comprese quelle scientifiche, allora sei a cavallo. Di contro, nel caso in cui avessi delle carenze in determinate discipline, è il caso di porvi rimedio prima di trovarsi con l’acqua alla gola.

È assodato, non è possibile aspirare a grandissimi risultati in poche settimane, ma con la giusta predisposizione mentale e l’impegno necessario, si possono fare grandi cose.

Fare delle sessioni di studio di gruppo

Partiamo dal presupposto che non tutti riescono a studiare in gruppo, non sono strutturati per poterlo fare, preferiscono ritirarsi nel proprio “eremo” e ripetere in solitudine. Legittimo.

Se però le sessioni di studio di gruppo si sono rivelate utili, non esiste momento migliore per ripetere questa esperienza. Soprattutto per la memorizzazione di teoremi e formule, talvolta interrogarsi a vicenda può rivelarsi una strategia vincente che, in vista dell’esame di maturità, deve essere sfruttata.

Controllare le prove d’esame passate

Dare un’occhiata alle prove d’esame degli anni passati è un argomento ancora oggi dibattuto. Non sono pochi gli studenti che evitano di guardarle, perché pensano siano superflue nella considerazione del fatto che sia difficile possano uscire di nuovo, soprattutto le più recenti.

In realtà nulla deve essere dato per scontato, soprattutto per quanto riguarda le prove di indirizzo. Non esiste infatti nessuna certezza che, anche se sono passati solo 2 anni, alcuni argomenti non possano riaffiorare di nuovo.

Inoltre, tornare sulle prove passate, può essere considerato come un valido esercizio per prepararsi, aiuta a capire come si svolge una traccia e dà la possibilità di mettersi alla prova, auto-testandosi in una potenziale sede d’esame.

Usare gli schemi per ripassare

Una volta terminato lo studio di una materia, abbozzare degli schemi e delle mappe per ripassare è un processo comodo per agevolare la memorizzazione delle nozioni apprese.

Si tratta di una metodologia estremamente utile ed efficace che, visti i buoni risultati di cui si fa portavoce, potrebbe accompagnare gli studenti anche durante il percorso universitario.

Ripetere ad alta voce

La prova orale dell’esame di maturità, si sa, può durare anche un’ora. Non tutti gli studenti, davanti a questa evenienza, sentono di poter affrontare la cosa a cuor leggero, poiché – durante gli anni scolastici – non capita spesso di venire interrogati per un tempo così lungo.

L’esercizio migliore da fare in questo caso, è esercitarsi a parlare ad alta voce, ripetendo gli argomenti appresi davanti ad una platea: amici, genitori, fratelli. A te la scelta, l’obiettivo è uno: acquisire sicurezza e dimestichezza, per affrontare l’esame orale con più tranquillità.

Creare una tabella di marcia

Lo step della tabella di marcia, quando si organizza tutto il programma da studiare, è un ausilio ulteriore a non perdere di vista tutto il lavoro da affrontare.

Così facendo, si suddivide lo studio nei giorni prestabiliti, accertandosi di lasciare almeno un giorno completamente libero, per riposare il cervello.

Stare a debita distanza dai ritmi troppo serrati e dalle nottate sui libri, è necessario arrivare piuttosto riposati il giorno dell’esame, altrimenti la stanchezza potrebbe influenzare la resa finale della prova.

Su come affrontare la maturità scientifica abbiamo detto tutto, per ora: non ci resta che augurarti buona fortuna!

***

Credits Immagine: DepositPhotos / Wavebreakmedia

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali