informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

25 è un buon voto all’Università? Cosa devi valutare

Commenti disabilitati su 25 è un buon voto all’Università? Cosa devi valutare Studiare a Roma

Quand’è che vale la pena rifiutare un voto all’università, e quando invece accettarlo?Si può considerare il 25 un buon voto?

I voti universitari generano sempre molte domande tra gli studenti, soprattutto per quanto riguarda il mantenimento di una media alta per aspirare ad un voto di laurea memorabile.

Non sempre però gli esami vanno come vorremmo. Capita a chiunque di affrontare un esame particolarmente tosto o, per qualsiasi ragione si voglia, raggiungere un risultato pressoché mediocre.

Sono cose che capitano, fanno parte del percorso, e logorarsi in eterno per questo, non gioverà alla tua salute.

Tuttavia, comprendiamo benissimo la frustrazione. Specialmente se l’ansia era tanta e pure la preparazione. Ma qual è il limite?

In questo articolo affronteremo tutti questi dubbi e vedremo di consigliarti al meglio.

Voti da accettare e da rifiutare all’università: ecco qualche consiglio per poterti orientare

Spesso siamo molto esigenti e pretendiamo molto da noi stessi e, specie le matricole, sfruttano la possibilità di rifiutare i voti più bassi per riprovare ai prossimi appelli.

Ma quali sono i pro e i contro? E secondo quale criterio dovremmo accettare o rifiutare i voti?

Vediamo i consigli che abbiamo per te.

LEGGI ANCHE >> Ansia da esame: 5 modi per “sopravvivere”

Cos’è la media universitaria e come si calcola

Ci sono due tipi di studenti universitari: quelli che si “accontentano” di superare qualunque esame con qualsiasi votazione purché la media totale sia positiva, e poi ci sono quelli vogliono ottenere il meglio in ogni esame.

C’è chi ha ragione e chi ha torto? Chi fa bene e chi fa male? Non esistono risposte giuste o sbagliate: è semplicemente una scelta personale, legata ai propri obiettivi di vita e alle proprie aspirazioni rispetto alla formazione universitaria.

Tuttavia, occorre considerare che una media bassa penalizzerà il voto finale con cui ti laurererai.

Come puoi farti un’idea dunque della tua media universitaria?

Puoi calcolarla con la media aritmetica o quella ponderata.

Nel primo caso occorre sommare i valori numerici per poi dividere il risultato per il totale dei valori numerici considerati.

Nel secondo invece, ovvero la media ponderata, dovrai seguire questo calcolo:

  1. Moltiplica ogni voto d’esame per il numero dei crediti corrispondenti
  2. Somma i risultati ottenuti
  3. Dividi il risultato per il totale dei crediti
  4. Dividi ancora per 3
  5. Moltiplica il risultato per 11

La media ponderata è quella più utilizzata per fare la media dei voti universitari poiché tiene conto anche dei CFU abbinati ad ogni esame.

Perché rifiutiamo i voti bassi e l’arti di riuscire ad accettare

Esiste un motivo per cui rifiutiamo determinati voti all’università?

Spesso, è per via della nostra ambizione e consapevolezza che si può dare di più, oltre alla paura di rovinare la media, sentirsi delusi e insoddisfatti.

Moltissimi studenti e studentesse basano la propria bravura sul voto dell’esame, giudicando se stessi negativamente in caso di esito negativo e facendo tracollare la propria autostima.

Ovviamente, nella maggior parte dei casi, un voto basso non è indice di scarsa bravura, minor intelligenza, stupidità. Ad influire un voto ci possono essere moltissimi fattori che non possiamo controllare, poiché l’unica cosa su cui abbiamo davvero potere è la preparazione, lo studio.

Cosa devi considerare

Torniamo alla domanda iniziale: si può considerare il 25 un buon voto all’università?

Risposta semplice: sì, è un voto positivo.

Risposta complessa: 25 è un buon voto perché devi considerare vari aspetti.

Chiediti perché non sei riuscito/a a raggiungere il 30 che desideravi, ma rispondi con sincerità ed obiettività.

  • Avevi iniziato a prepararti in tempo?
  • L’esame era più difficile di quanto ti aspettassi’
  • Avevi molti altri esami da sostenere?
  • Il/la docente era particolarmente esigente?
  • La tua preparazione era scarsa o è stata l’ansia a fare un brutto scherzo?

È importante rispondere con sincerità a questi quesiti perché sarà in base alle risposte che ragionerai sul da farsi. Se vedi che non dipendeva tanto da te, ma da fattori esterni, non prendertela troppo.

Ridare un esame significa dedicare altro tempo alla stessa materia ma senza la sicurezza di fare effettivamente meglio, e quel tempo lo potresti dedicare per un esame in cui effettivamente hai più sicurezza e più fattori pro, anziché contro di te.

Ricorda che può capitare che un esame vada male: non logorarti per questo, non ne vale la pena. Capisci cosa è andato storto e vai oltre, se non è un danno troppo grande.

Perciò, il nostro consiglio è di accettare un voto sempre nel caso in cui:

  • sei cosciente di aver dato già il massimo delle tue possibilità
  • sei uno studente fuori corso e sei in costante battaglia contro il tempo
  • hai faticato molto per quel voto
  • quell’esame ha generato molta ansia e negatività, tanto che l’idea di ridarlo già ti fa stare male

Conclusioni

Sostenere gli esami con profitto è sicuramente una priorità per uno studente. Noi di Unicusano sappiamo perfettamente quanto questo sia importante e, per questa ragione, abbiamo messo a disposizione degli allievi diversi strumenti per riuscire ad ottenere performance maggiori nello studio. Anzitutto, la metodologia didattica Unicusano “a distanza”, che permette di seguire le lezioni in qualunque luogo e in qualunque momento: tutto ciò che dovrai fare è connetterti ad una piattaforma online attiva 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Su questa piattaforma potrai inoltre scaricare il materiale didattico di supporto allo studio e interagire con docenti e colleghi di corso.

In più, Unicusano mette a disposizione degli studenti un tutor didattico. Ti verrà assegnato un tutor per tutta la durata dei tuoi studi: con il suo aiuto potrai preparare il piano formativo, organizzare al meglio lo studio e trovare lo stile di apprendimento migliore per te.

Speriamo di averti aiutato a fare chiarezza e a riconsiderare in futuro quando vale la pena rifiutare o accettare un voto d’esame. Ricordati di valutare bene pro e contro prima di doverti rimettere sui libri!

***

Credits Immagine: DepositPhotos / Wavebreakmedia

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali