informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

La facoltà di giurisprudenza a Roma di UniCusano si candida come valida alternativa alle università tradizionali per tutti coloro che sono interessati a costruire una propria carriera professionale nell’ambito legale, un ambito all’interno del quale si sono sviluppate nel corso del tempo diverse figure professionali che vanno da quella più tradizionale dell’avvocato al magistrato, il notaio, il consulente legale e l’esperto di gestione e di controllo che opera tanto nelle pubbliche amministrazioni quanto nel privato.

Al pari di qualsiasi altra università per la Giurisprudenza a Roma anche la proposta di UniCusano si articola secondo un corso di laurea a ciclo unico quinquennale accessibile da chiunque sia in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o di un titolo di studio equivalente. Al momento dell’iscrizione al corso di laurea vengono valutate le nozioni linguistiche e storiche dello studente e se in questa fase dovessero essere evidenziate delle carenze esse dovranno esser colmate entro la conclusione del primo anno.

Chi sceglie di studiare giurisprudenza a Roma con la UniCusano si trova ad affrontare un percorso di studi ricco di nozioni, metodi e concetti che gli saranno poi necessari nell’espletamento della propria professione in ambito legale. Il ciclo di studi di articola infatti secondo quattro aree di interesse principali che spaziano dalla cultura giuridica di base, nazionale ed estera, alla storia e l’evoluzione del diritto, passando per l’acquisizione delle tecniche necessarie alla definizione e stesura di un testo giuridico, e fino alla analisi,  comprensione ed interpretazione delle varie casistiche generali all’interno delle quali può essere richiesto un intervento di tipo legale.

Il conseguimento di una Laurea in Giurisprudenza presso la UniCusano avviene attraverso la presentazione e discussione di una tesi di ricerca giurisdizionale, di analisi normativa o di trattazione storico-giuridica; subito dopo la laurea,  e senza ulteriori esami, è  possibile accedere ai concorsi pubblici per magistrato e notaio, nonché all’esame di Stato per esercitare la professione di avvocato